LAS VEGAS, VIAGGIO A SIN CITY

al-capone-las-vegas

Gioco d’azzardo, gangster e bella vita, così Hollywood dipinge Las Vegas, nel celebre Casinò di Martin Scorsese. Flussi di denaro sporco, riciclaggio, regolamenti di conti, sigari e pistole, donne e uomini che hanno costruito una parte d’America. Per capire un po’ di più della storia dietro le quinte di Sin City, un museo da poco inaugurato nel centro di Las Vegas raccoglie anni di indagini e documenti sulla criminalità organizzata nella capitale del vizio.

Si chiama Mob Museum, National Museum of Organized Crime and Law Enforcement, e si trova in Stewart Avenue, al posto dell’ex palazzo di Giustizia Federale. Sono raccolti qui pezzi unici come il muro di mattoni forato dai proiettili del clan di Al Capone nella strage del giorno di San Valentino e la sedia da barbiere in cui Albert Anastasia è stato assassinato. E poi le foto segnaletiche e le ricostruzioni delle vite di boss come Lucky Luciano, Bugsy Siegel e Frank Costello e il modo in cui l’Fbi mise fine alle loro fortune. Completano il quadro armi, apparecchi per le intercettazioni, sedie elettriche e centinaia di immagini di scene del crimine.

Home

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s