PERUGIA. ELETTRICITA’ SOCIALE

Tra le vie acciottolate e le piazze del centro storico di Perugia, si scopre un melting pot multietnico e vivace, che attira giovani universitari e turisti da tutto il mondo

Alta nel cielo e arroccata su una collina dalla storia millenaria, Perugia è una città sospesa tra un passato ricco di tradizioni e un presente fatto di giovani, che guardano a un futuro multietnico e colorato. Nel mosaico urbano che abbraccia palazzi e chiese degne di un borgo d’arte, s’incontrano studenti dalle mille nazionalità, che intonano una melodia di tante lingue diverse. Immersa nella rigogliosa vegetazione umbra, tra il Tevere e il lago Trasimeno, Perugia riassume in sé le molteplici caratteristiche di questa terra ricca di arte, natura e gusto. Con i suoi monumenti storici dal valore inestimabile, la sterminata campagna tutt’intorno e l’ottima cucina del territorio, che va dalle tagliatelle al tartufo ai fegatelli e all’immancabile cioccolato, non c’è da stupirsi se attira tante persone da ogni parte del mondo. Contesa da più sponde sul piano politico, sin dai tempi antichi Perugia è stata uno dei centri più vivaci d’Italia per i suoi monasteri e le tante basiliche, ma anche per la prestigiosa università e per la sua grande scuola pittorica. La città, infatti, è stata culla di artisti di fama internazionale come il Pinturicchio, il maestro Perugino e il suo allievo Raffaello, che hanno lasciato capolavori inestimabili, memoria di tempi lontani fatti di lunghe vesti e volti angelici. Passeggiando a naso all’insù tra le strette vie del centro, è facile capire da dove traessero l’ispirazione per creare tanta bellezza. Nel mosaico urbano che si apre all’interno delle mura, resti di antiche civiltà s’intrecciano in un mix di storie e culture diverse.

Un itinerario alla scoperta della città potrebbe partire dall’Arco di Augusto, la porta monumentale dell’antica cinta muraria etrusca e risalire le stradine in pietra e ciottoli fino a piazza IV Novembre, una delle più belle d’Italia, vero melting pot del capoluogo umbro. Leggermente inclinata verso corso Vannucci, la via dei negozi più modaioli, la piazza è un’aggregazione di stili, epoche e culture diverse, dove passato e presente convivono in un contrasto che vale la pena vedere. Ai lati di questo spazio affascinante e irregolare, sorgono l’elegante Palazzo dei Priori, edificio gotico, ora sede della Galleria Nazionale dell’Umbria e custode di un patrimonio artistico che va dal XIII al XIX secolo, il Duomo di S.Lorenzo, con la sua gradinata, la facciata incompleta e il loggiato, e la maestosa Fontana Maggiore, realizzata nel 1277 per inaugurare l’acquedotto che dal Monte Pacciano portava acqua nella piazza. Appollaiati su questi monumenti di età così diverse e così lontane, oggi si vedono folle di giovani intenti a socializzare e a vivere questi spazi così suggestivi. Seguendo la massa di studenti universitari, che qui costituiscono una fetta notevole della popolazione, si prosegue tra bar, trattorie e negozietti originali, stando ben attenti a non perdere i monumenti che si incontrano via via lungo percorsi tracciati dall’istinto personale.

Poco più in basso rispetto alla piazza principale, si trova piazza Matteotti, dove aveva sede la vecchia università, prima di essere trasferita fuori dalle mura cittadine: l’edificio, oggi sede del Palazzo di Giustizia, conserva ancora oggi l’antico fascino, reso ancora più emozionante dall’usura del tempo. Gironzolando ancora, s’incontrano il Pozzo Etrusco, Porta Marzia, la seconda porta monumentale etrusca, e la Rocca Paolina, imponente fortezza fatta erigere da Papa Paolo III nel 1540.

Altri palazzi storici si affacciano sulla bella piazza Italia, dove prendere una pausa su una delle panchine dei giardini dedicati al grande poeta Giosué Carducci. Il tramonto, poi, è l’orario migliore per affacciarsi verso la valle che da viale indipendenza si apre a perdita d’occhio, raccontando di storie e di mondi tutti da scoprire. Se la fame inizia a fare capolino, basta perdersi nel reticolo di vie del centro e cercare i locali più affollati, per continuare a vivere l’atmosfera underground di Perugia davanti a un piatto a base di tartufo e un bicchiere di buon vino locale.

Testo di Giorgia Boitano | Foto di Michele Castellani

Reportage pubblicato su Latitudeslife.com

Info utili

Informazioni e assistenza per organizzare un viaggio personalizzato secondo le proprie esigenze presso le migliori agenzie di viaggio.

Come arrivareIn auto – Perugia è ben collegata da una rete viaria che presenta due maggiori arterie, la Strada Statale SS3bis (chiamata anche E45), che si snoda lungo la valle del Tevere, e la Strada statale SS75bis, spesso indicata come “Raccordo Perugia-Bettolle”, che collega la città all’autostrada A1 Roma – Firenze (Autostrada del Sole).In treno – treni e collegamenti da e per tutti i centri italiani. Provenendo da nord, sulla linea Firenze-Roma, scendere alla stazione di Terontola e cambiare con un regionale per Perugia (35-50 minuti di percorenza); provenendo da Sud sulla linea principale Roma-Ancona, scendere a Foligno e continuare su uno dei treni locali che la collegano a Perugia (30-35 minuti di percorrenza).

Quando andare: il periodo migliore per visitare Perugia e tutta l’Umbria è quello compreso tra i mesi di aprile e settembre, in cui il clima è più mite e le giornate più soleggiate e lunghe. Tra gli eventi che rendono la città famosa in tutto il mondo ci sono Umbriajazz, rassegna musicale che nel mese di luglio raduna concerti dei migliori artisti jazz sulle piazze della città, e l’Eurochocolate, una golosa kermesse che ogni anno per un weekend intorno alla fine del mese di ottobre mette in mostra il meglio della tradizione cioccolatiera perugina.

Dove dormirePassaqueto, Strada Ponte Rio-Ponte Pattoli 92-94, Perugia, tel. 06134 43157138. Antica residenza di campagna circondata da un parco secolare e un ampio giardino con piacina. La struttura dispone di alcuni appartamenti composti da: soggiorno, cucina con angolo cottura, 1-2 camere da letto, bagno e riscaldamento autonomo. A circa 400 mt di altezza, con un panorama unico con vista su Assisi, a soli 10 minuti d’auto dal centro storico di Perugia.  Castello di Monterone, Strada Montevile 3, 06126, Perugia, tel. 06134 4310759. Residenza d’epoca soli 3 km dal centro storico di Perugia, immersa nel verde e affacciata su una delle più belle viste della città, il castello è stato completamente ristrutturato mantenendo i suoi merli, le antiche pietre e diventando una struttura esclusiva dotata dei migliori comfort.

Dove mangiareLa Lumera, Corso Bersaglieri 22, Borgo Sant’Antonio, Perugia, tel. 075 5726181. Accogliente osteria con cucina, dove piatti deliziosi e originali tengono testa a una lunga e dettagliata carta di vini.Trattoria del Borgo, Via Sposa 23/A, Perugia, tel. 075 5720390. Un’antica trattoria a conduzione familiare situata nel centro storico di Perugia, dove regna la tradizione della cucina tipica umbra e dove gustare le specialità della norcineria, la lavorazione delle carni suine.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s