10 COSE DA FARE A COPENAGHEN

copenhagen-denmark

Copenaghen, la vivace e ordinata capitale danese è il teatro perfetto per un weekend d’arte e di design, ma anche piacevoli giornate da trascorrere tra vie pedonali in uno scenario dipinto, parchi cittadini, piste ciclabili, ristoranti, birrerie. Ecco 10 cose da non perdere.

1. Passeggiare lungo le rive di Nyhavs ammirando le coloratissime case in stile danese e le vecchie barche in legno.

2. Arrivati sul lungomare, foto ricordo alla celebre statua della Sirenetta, omaggio alla favola di Andersen.

3. Sentirsi bambini al Tivoli, il parco divertimenti più famoso della Danimarca, attivo da oltre 150 anni e particolarmente affascinante a Natale.

4. Scoprire il design danese al Danish Design Centre, situato proprio d fronte ai giardini Tivoli.

5. Guardare Copenaghen dall’alto della Round Tower, antico osservatorio costruito nel XVII secolo e attaccato alla chiesa Trinity.

6. Pranzare come i danesi, con una fetta di pane nero, burro e aringhe marinate o gamberetti.

7. Noleggiare una barca e scivolare tra gli storici canali di Christianshavn, isola artificiale perfettamente inglobata nel tessuto cittadino.

8. Gironzolare tra le vie del centro e curiosare nei negozietti di Osterbro, Vesterbro e Norrebro.

9. Prendere 10 minuti di treno per Elsinore e visitare il Castello di Kronborg, conosciuto per l’Amleto di Shakespeare.

10. Bere una birra Carlsberg e brindare al suo fondatore danese Carl Jacobs.

Articolo pubblicato su Latitudes

Advertisements

MERCATINI DI NATALE A STOCCOLMA: PAN DI ZENZERO E NEVE

natale-souvenir

Immaginate di essere catapultati in uno di quei souvenir che racchiudono una città incantata in una sfera di vetro, con la neve che scende al primo movimento. Potete vivere la stessa sensazione a Stoccolma, che a Natale diventa ancora più magica.

Il buio nordico avvolge la capitale della Svezia trasformandola in un presepio di cristallo dove le luci colorate si specchiano su un’acqua immobile e serena. Sembrerà un sogno passeggiare per le vie del centro mentre le luminarie accendono la città fin dalle prime ore del pomeriggio e passare da un’isola all’altra, accompagnati dalla neve.

Se vi piace l’idea di cercare i regali da mettere sotto l’albero tra addobbi e scenografie fiabesche, segnatevi i nomi di alcuni tra i più belli mercatini di Natale che trasformano le piazze di Stoccolma in irresistibili vetrine.

Imperdibile quello tra le costruzioni medievali e le stradine acciottolate di Stortorget, la città vecchia, e quello di Skansen, il museo all’aperto che sorprende grandi e bambini con la sua atmosfera tipica svedese. Nel centralissimo giardino Kungsträdgården si può pattinare sul ghiaccio e poi fare merenda con una tazza di glögg, vino brûlé con mandorle e uvette, accompagnato dagli invitanti dolcetti esposti nei banchetti vicino alla pista, mentre al Rosendals Garden Café, a Djurgården, si comprano prodotti biologici e pane fatto in casa, avvolti da un’aria di campagna.

Continua a leggere l’articolo su Latitudeslife.com

AMSTERDAM, DOPO IL MUSEO

amsterdam-painting-afremov

Dopo le cinque di pomeriggio, gli oltre 50 musei di Amsterdam chiudono: niente più Van Gogh, niente più arte contemporanea allo Stedelijk, niente fabbrica della birra Heineken, niente museo della tortura, della Navigazione, della Resistenza, delle cere, e nemmeno quello della Canapa, Marijuana e Hashish. E non importa se si è appena entrati o se c’era una coda lunghissima o se il tempo era poco e si è fatto tardi. Chiudono.

Quindi tanto vale organizzarsi per tempo e andare a fare una breve parentesi di shopping (i negozi si spengono alle 18), inforcare una bici e gironzolare lungo i canali fino ad arrivare al bancone di un bar.

Non lontano dalla stazione centrale e dalla Casa di Anna Frank, si trova il Tales and Spirits, secondo molti uno dei migliori bar d’Europa. In questo accogliente edificio in mattoncini con caldi interni in legno e candelabri in stile vintage, si servono coloratissimi cocktail fruttati dentro a tazze, bicchieri strani e addirittura barattoli di vetro. Per accompagnare i drink, poi, si può scegliere tra una lunga lista di piatti freddi e caldi da ristorante gourmet. Locale giovane e informale, perfetto per iniziare a scoprire Amsterdam by night.

Leggi il reportage “Amsterdam. Caccia al tesoro per la città” su Latitudeslife.com

MUSICA LIVE NELLA TUBE DI LONDRA

london-tube

Camminando per le strade di Londra si incontrano decine di artisti di strada di alto livello, che rallegrano la vita cittadina con un piacevole sottofondo. Fieri del loro mestiere e del loro pubblico in movimento, ballerini, comici, prestigiatori, cantanti e chitarristi popolano le stazioni della metropolitana, le piazze, gli angoli tra le vie dello shopping e i mercati cittadini.

A busker at London's Tottenham Court Road underground stationSogno dei musicisti più avventurieri e dei rockettari in cerca di popolarità, suonare nella Tube di Londra non è cosa da tutti e la qualità delle performance cui si può assistere in giro per la città non è casuale. Nessuno vieta a un chitarrista provetto di strimpellare su una panchina o a un aspirante pop star di canticchiare al parco, ma per esibirsi regolarmente occorre passare un’audizione.  La Transport for London seleziona gli artisti che eseguiranno la colonna sonora quotidiana delle varie postazioni, rilasciando permessi secondo il London Underground Busker Scheme, un programma che garantisce ai londinesi oltre 100mila ore di musica live l’anno.

Oltre a regalare attimi di spleen a chi si sposta frettolosamente da una linea metropolitana all’altra e a racimolare qualche penny, gli artisti di strada si esibiscono perché amano farlo e nello stesso tempo investono sul loro futuro. Non si sa mai che qualche talent scout li noti.

Questo per quanto riguarda soprattutto i musicisti. Per le altre tipologie di artisti, vetrine interessanti sono Covent Garden, mercato coperto patria delle esibizioni e Trafalgar Square, la piazza che ogni weekend si trasforma in un enorme palcoscenico.

Articolo pubblicato nell’edizione iPad di Latitudes di aprile