ERITREA A TAVOLA: VIVA LA SCARPETTA

eritrean-food

Frutto di un’armonica combinazione di sapori forti come la terra da cui provengono, la cucina eritrea non prevede una successione di pietanze. Tradizionalmente si mangia in un unico piatto, che ha come fondo la inijera, il tipico pane di farina di teff, lievitato ma sottilissimo, che fa letteralmente da base a tutti i pasti. Sopra, vengono adagiati legumi e carni nelle loro salsine speziate, che si impregnano nella sfoglia e si mangiano con le mani, facendo una “scarpetta” continua.

Il piatto forse più conosciuto è lo zighinì, uno stufato di carne accompagnato da verdure e guarnito dalla piccantissima salsa berberè, una miscela di spezie, tra cui peperoncino, zenzero, chiodi di garofano, coriandolo, pimento, pepe lungo, aglio e cipolla abbrustoliti, che insaporisce con il suo gusto inconfondibile tutte le pietanze della cucina eritrea. A fianco alla carne possono trovarsi lo scirò, una farinata di ceci cotta in un soffritto di cipolle e pomodoro, il tuntumo, lenticchie in umido, il bamia, verdure verdi simili ai nostri spinaci e l’aggià, grano pestato con pomodoro e curry.

Advertisements

10 COSE DA FARE NELLA RIVIERA MAYA, MESSICO

rivieramaya

Situata sulla costa a sud di Cancún e affacciata sul Mar dei Caraibi, la Riviera Maya è la perla del Messico, sinonimo di vacanza da sogno: 130 km di spiagge bianchissime circondate da villaggi, siti archeologici e giungla, una barriera corallina dove fare snorkeling e migliaia di profonde cenotes dove immergersi e nuotare tra i pesci. Ecco come scoprirla in 10 mosse.

1. Nuotare con vista sulle rovine di Tulum, un delizioso sito archeologico a picco sul mare.

2. Isolarsi dal mondo a Playa de Paamul, una spiaggia isolata e tranquilla, circondata dalle scogliere.

3. Sentirsi piccoli davanti alla piramide di Chichen a Chichen Itza, tra i siti archeologici più importanti del Messico, nominato fra le sette meraviglie del mondo.

4. Correre sulla sabbia chiara della Playa de Xcacel, dove da maggio a ottobre le tartarughe marine depongono le uova.

5. Gita in catamarano alla Isla Mujeres, accompagnati dai delfini.

6. Passeggiare nei 528.000 ettari di verde della Riserva della Biosfera di Sian Kaan, a Punta Allen, uno dei luoghi Unesco più belli del mondo, dove vivono uccelli e mammiferi di almeno cento specie diverse.

7. Fare snorkeling nelle acque turchesi della riserva ecologica di Punta Sur, paradiso marino nella parte meridionale dell’isola di Cozumel.

8. Gironzolare per Muyil, una delle città più antiche delle rovine Maya, i cui resti sono quasi mimetizzati dalla fitta foresta.

9. Immergersi nell’acqua dolce e cristallina di una delle 3mila cenotes della zona, dove un tempo si svolgevano le antiche cerimonie Maya. Nel parco Aktun Chen si scende a 12 metri di profondità, tra stalattiti e stalagmiti.

10. Mangiare tortillas con salse piccantissime sulla Quinta Avenida di Playa del Carmen e poi scatenarsi nella discoteca Blue Parrot, sulla spiaggia.

Leggi il reportage su Latitudeslife.com

Vai alle altre 10cose

10 COSE DA FARE A HONG KONG, CINA

hong-kong

Eccentrica vetrina di una Cina sempre all’avanguardia, Hong Kong è una città frizzante in continuo movimento, dove lasciarsi trasportare tra grattacieli, ristoranti e vie dello shopping. Dai mercati allo street food, dai monasteri ai musei, c’è sempre un modo per divertirsi. Ecco 10 mosse per scoprirla.

1. Salire sul Viktoria Peak, la torre panoramica alta 522 metri, perfetta per scattare una foto della città.

2. Fare un giro a Nathan Road e immergersi nel spirito frenetico di Hong Kong. Da non perdere il leggendario Chunking Mansions.

3. Respirare aria di pace al monastero buddista Po Lin, uno tra i più belli della città.

4. Affascinarsi davanti all’arte calligrafica cinese al Hong Kong Museum of Arts.

5. Lasciarsi tentare da uno di migliori templi dello street food di Hong Kong, il mercato di Stanley street.

6. Spostarsi per la città con lo Star Ferry, il sistema di traghetti che collega le varie parti di Hong Kong dalla fine del 1800.

7. Shopping notturno tra le bancarelle del mercato di Temple Street, nel quartiere di Kowloon, a partire dalle 4 del pomeriggio fino a mezzanotte.

8. Prendersi una giornata fuori città e andare al Monastero dei Diecimila Buddha a Sha Tin, una un trionfo di statuette d’oro che rappresentano Buddha in diverse posizioni.

9. Guardare da lontano il Ponte Ting Kau, un gigante lungo 1177 metri che collega l’isola di Hong Kong, Kowlook e l’aeroporto ai Nuovi territori.

10. Alle 8 di sera, ammirare lo spettacolo Symphony of Lights, una scenografica performance di luci laser e musica che accende 44 grattacieli e monumenti che si trovano ai lati di Victoria Harbour.

 

Leggi il reportage su Latitudeslife.com

Vai alle altre 10cose

10 COSE DA FARE A SUN CITY, SUDAFRICA

Sun-City-golf

sun-city-waves

 

 

Costruita alla fine degli anni ‘70 come una piccola Las Vegas in Sudafrica, Sun City è una città resort dove tutto è a misura di turista: hotel di lusso, parchi divertimenti, campi da golf, laghi artificiali, casinò, auditorium, intrattenimento. Ecco come scoprirla in 10 mosse.

1. Svegliarsi all’alba e guardare la natura che si accende oltre le vetrate in stile african-chic della vostra camera d’hotel.

2. Safari in mongolfiera o a piedi nel Pilanesberg Park, che ospita 7mila animali di 24 specie diverse.

3. Giocare a golf al Lost City Country Club e guardare da lontano il lago della buca 13, dove vivono 38 coccodrilli. I più esperti, potranno anche provare l’emozione di lanciare la pallina al Gary Player Country Club, con uno dei percorsi più difficili del mondo che si snoda lungo i resti di un cratere di un vulcano.

4. Tentare la fortuna in uno dei due casinò della città, oppure imparare l’arte del gioco grazie alle lezioni della The Sun City School of Gaming.

5. Guardare i coccodrilli protetti nel Kwena Gardens Crocodile Sanctury, all’ingresso di Sun City.

6. Lanciarsi nel vuoto a 280 metri d’altezza per due km di carrucola Zipslide, percorrendo 2 km pieni di adrenalina a 120 km orari.

7. Ammirare i colori delle farfalle locali al Butterfly World.

8. Divertirsi sugli scivoli del parco acquatico e fare surf nella Roaring Lagune, piscina artificiale di 6500 metri quadri con tanto di spiaggia di sabbia, palme, ombrelloni e onde alte anche due metri.

9. Gita in quad per respirare la natura e sporcarsi un po’ di polvere africana.

10. Lasciarsi coccolare dai trattamenti con erbe locali della Sun City Health Spa.

Articolo pubblicato su Latitudeslife.com

Leggi gli altri post 10cose

10 COSE DA FARE A LUBLINO, POLONIA

Lublin-Poland

Cittadina accogliente e colorata con i suoi edifici in un particolarissimo stile rinascimentale, Lublino è uno dei maggiori centri culturali della Polonia ed è sede di numerosi festival di danza, teatro e musica. Crocevia mercantile e importante punto di unione fra l’Europa occidentale e quella orientale nel corso della storia, oggi è meta di artisti, scienziati, studenti e imprenditori. Ecco come scoprirla in 10 mosse.

1. Salire sulla Torre della Trinità e guardare dall’alto la città vecchia, il borgo medievale meglio conservato della Polonia costruito sui colli Czwartek, Grodzisko, Zamkowe  e Staromiejskie.

2. Aspettare le 12 in piazza Łokietek, davanti al Nuovo Municipio neoclassico, per sentire il trombettiere intonare il caratteristico segnale dal balcone della torre.

3. Passeggiare per via Krakowskie Przedmieście, il salotto di Lublino, tra café, ristoranti e negozi.

4. Sedersi a un tavolino della storica pasticceria Semadini, che da 160 anni ingolosisce i Lublinesi, e assaggiare una fetta di kremówka, il dolce preferito di papa Woytila a base di pasta frolla e crema pasticcera.

5. Visitare il museo nelle mura del Castello di Lublino, costruito in stile neogotico nel 1828 sulle rovine di una residenza reale e utilizzato come prigione fino al 1954.

6. Mimetizzarsi con gli studenti e entrare nell’ l’Università Cattolica di Lublino, dove studiò e insegnò Karol Wojtyła.

7. Scoprire la Lublino sotterranea, al di sotto dell’antico nucleo cittadino, attraverso le cantine degli antichi magazzini mercantili e le enoteche dell’epoca della fioritura cittadina.

8. Ammirare l’interno della basilica domenicana di S. Stanislao, uno tra gli esempi più belli e preziosi di arte sacra in Polonia. Ci sono affreschi in ogni angolo, comprese le colonne, non c’è posto nella Chiesa che non sia dipinto di rosa, blu e oro.

9. Allontanarsi dalla città e godersi un pomeriggio immersi nel verde, a piedi, a cavallo o in canoa .

10. Visitare il campo di concentramento di Majdanek, a 4 km da Lublino, che è arrivato a contenere 50mila prigionieri e, assieme ad Auschwitz, è tristemente noto per aver fatto uso del terribile gas Zyklon B.

Articolo pubblicato su Latitudeslife.com

Leggi gli altri post 10 cose